Silent Journey, 2017 – Oil colour on linen – 90 x 90 cm

 

“Painting is for me passion and joyful experiment; never knowing where the painting wants to go in this endless world of fantasy, mystery and surprise.”

 

Angela Keller grew up in Switzerland and followed an eclectic career as palaeontologist, Jungian analytical psychotherapist, and painter. She took lessons in drawing and painting at the School of Arts and Crafts at the University Extensions and attended art classes under the Swiss painter, Toni Grieb. From 1999 to the present day, Angela has exhibited her works in numerous international art shows.

Angela creates experimental, playful artwork with hints of dreams, fantasy, and charm. Her paintings fluctuate between surrealism and symbolism; they are dreamy, surreal, and lyrical in their balance between fantasy and reality. The viewer is called to examine a visionary experimentation of a poetic and surreal intelligence and of an ironic essence where nothing is impossible.

Angela’s paintings depict wild animals, lightweight elephants, “animalized moons” and other imaginative imagery while also incorporating certain realistic elements, such as the coast of Portugal or the villages in Calabria, Southern Italy, where Angela currently lives and works.

www.angelakeller.com


 

Il surrealismo di Angela Keller è pieno di fascino, trasuda originalità e personalità, diventando  simbolo di una nuova maniera d’espressione pittorica, riconducibile senza ombra di dubbio alla sola artista che gli ha dato vita. La capacità espressiva della pittrice, trova la sua massima espressione in opere che narrano di immaginifiche storie, dove gli animali volano e l’orizzonte non è mai dritto, in opere che suscitano nell’astante non soltanto la meraviglia legata al talento puramente tecnico e pittorico della Keller, ma anche, e soprattutto, la voglia di riscoprire il fanciullino che è in loro, abbandonandosi alla contemplazione estatica di un susseguirsi surreale di immagini, scoprendo che è ancora possibile sognare e vagare per i labirinti della mente, tinti di mille colori e sfumature, alla ricerca di quella libertà che spesso, solo l’arte in tutte le sue forme può concederci, per poi riportarci alla realtà.

Paolo Levi

Nelle creazioni di Angela Keller, l’irreale equilibrio della sua impostazione pittorica si compenetra, senza esitazioni, nella concettualista’ del reale. Il ruolo del colore riveste una funzione primaria nel sistema narrativo d’insieme e produce lo svipluppo di un interessante linguaggio a livello subliminale. La Keller individua la propria dinamica espressiva, configurando una dimensione  visionaria fantastica, molto eloquente e allusiva, elaborando emozioni, idee, concetti e sensazioni intuitive. La realtà  visiva e suggestionale collega il reale all’immaginario, in un gioco di sintesi enigmatica, che colpisce da subito e cattura l’attenzione dello spettatore, chiamato a intervenire come parte attiva dentro lo scenario e a fornire le proprie chiavi di lettura, un uno scambio interattivo aperto e vivace.  La Keller evoca visioni irreali d’impronta onirica e fantasiosa, con un’ originale creatività per dare vita a rappresentazioni, che oscillano stando in bilico tra il surrealismo e il simbolismo. Non tralascia mai l’aspetto sostanziale e introspettivo, introducendo contenuti esistenziali e psicologici, tutti da scoprire e decifrare con perspicace sensibilità.

Elena Gollini

 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 + 17 =