Natura morta – acrilico su tela – cm. 50×70 – anno 2014


Nato in Francia il 20.11.1936 da genitori  italiani, rientrati in Italia nel ‘39, risiede a Verbania, una graziosa cittadina sul lago Maggiore,  circondato da bellissime montagne.

In pensione, ha continuato  a collaborare con scuole medie, elementari , materne, ludoteche, scout, centri  estivi comunali e associazioni, inoltre ha organizzato corsi di formazione per  insegnanti ed animatori, autorizzati dal Provveditore  agli studi.

Fin da ragazzo, a tempo perso, si è dilettato disegnando e dipingendo con diversi materiali: matite, pastelli, pennarelli,  gessetti e smalti realizzando ampi scenari con soggetti  vari.  paesaggi di montagna, visi, fiori e altro ancora. Inoltre ha scritto lavori teatrali e arrangiamenti per ragazzi e poesie.

Con la tempera e quindi con l’acrilico, ha  affrontato un percorso di ricerca attraverso l’astrattismo geometrico, tendente ad esprimere concetti sintetici  significativi riferiti alle  problematiche  esistenziali  della società  che, nella maggior parte delle opere, senza perdere di vista il richiamo ricorrente all’uomo come protagonista significativo ed essenziale, spaziando  in composizioni individualmente interpretabili  nella loro rappresentazione, in parte facilmente identificabile ed in parte lasciate all’immaginazione influenzata dalla provocazione emozionale. Con lo stesso intento ha scritto poesie cercando di  evidenziare i conflitti, ma anche esempi di umanità, uguaglianza e giustizia, cercando il significato della vita e della morte.

Insegnante nella Scuola media Statale, in collaborazione con altri colleghi, negli spazi del tempo  pieno, ha organizzato  attività di pittura, scultura, teatro d’attore e di figura e riproduzione di antiche Chiese (Madonna di Campagna di Verbania), (Castelli medioevali), (il Colosseo e Monumenti noti),  oltre a plastici animati e funzionanti (centrali solari e centrali idroelettriche ecc.) realizzati in  materiali diversi a secondo dell’esigenza: pietra, gesso  o cartapesta, coinvolgendo  gli  allievi  dalla progettazione grafica e  con opportuni rilevamenti in loco, dove possibile, fino alla realizzazione di “opere” degne  di un significativo apprezzamento per il lavoro e l’effetto coinvolgente.

Ed ancora lavori teatrali scritti, sceneggiati ed interpretati con allievi della scuola media. (E  fu  così  che si salvò il mondo) e (Pronto, pronto pianeta terra).

Tornando alla pittura, ha partecipato a diverse mostre collettive Milano, Verona, Roma, Alba, Pisa. Verbania, Borgo D’Ale, San Remo, Piacenza, Palermo, Parigi, Barcellona, Montecarlo, Agrigento, Perugia, Bologna, Venezia Firenze, ecc. con significativi riconoscimenti.

Le poesie, alcune già pubblicate e altre in corso di pubblicazione .poesie che tendono a cogliere momenti di riflessione sulle problematiche consce ed inconsce dell’uomo, non disdegnando di  evidenziare  la meraviglie  della vita,  nonostante tutto.


Giacomo Frigo Verbania
Giacomo Frigo Verbania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × 3 =