NANIA PINO_ Il gioco BR

Il Gioco – ferro – cm. 43×55 – anno 2017

 

Risveglio – terracotta – cm. 20x48x33 – anno 2017

Giovanissimo Pino Nania ha  frequentato la bottega del maestro Tommaso Allegra. Ha studiato presso il liceo artistico di Reggio Cal. Diretto dal prof. Ettore Frangipane. Dal 1961, a Napoli, ha stabilito il suo studio di pittura frequentando al contempo la facoltà di Architettura. Nel 1966 ha ottenuto la cattedra di storia dell’arte presso il liceo classico di Locri (RC) e dopo la parentesi  di un anno presso il liceo scientifico di R C; trasferitosi in Toscana, ha tenuto per trentadue anni la cattedra di disegno e storia dell’arte presso il liceo scientifico di Sansepolcro (AR). Nel 1971, presso l’accademia di Belle Arti di Firenze, ha conseguito una ulteriore abilitazione per l’insegnamento di materie pittoriche. Nel 1992 Insieme agli allievi, Nania ha pubblicato“Nello spazio di Piero”un saggio sull’opera di questo straordinario maestro (Piero della Francesca) per cui ha ricevuto gli apprezzamenti del ministro della P.I. Rosa Russo Iervolino.                                                                                                                               

LE MOSTRE  

Fino al 1976 ha esposto le sue opere in mostre personali, partecipando inoltre a numerose rassegne d’arte  Nazionali e Internazionali dove,più volte ha conseguito ambiti riconoscimenti.

Nel 2000, in occasione del Giubileo delle arti, Nania è stato invitato in Vaticano insieme ai massimi esponenti  delle arti  sceniche , della danza, del canto e delle arti figurative. Già nel periodo Napoletano, a contatto con altri artisti, tra cui Giovanni Stradone e il paesaggista Giuseppe Astone, prezioso consigliere, Nania si era avvicinato alla scultura, di cui si è appassionato ampliando, nel corso degli anni, le sue esperienze e le sue ricerche. Poi a seguito delle prime impegnative committenze, l’artista si è dedicato  quasi completamente alla scultura.

LE OPERE   

A Napoli ha eseguito la prima scultura in legno “Polena” a cui è seguita una numerosa serie di opere, tra queste: una imponente pala d’altare (altorilievo in vetroresina) nella cappella della casa sollievo della sofferenza a S. Giovanni  Rotondo (tale opera segna l’inizio delle grandi forme), alcune versioni in bronzo di Padre Pio  collocate  in alcune piazze Italiane, alcune statue di madonna in bronzo e marmo, un S. Francesco in (vetroresina ) a Sansepolcro, un monumentale S. Camillo de Lellis a Manfredonia, “ Via Crucis” in bronzo  collocate a Sansepolcro e alcune opere funerarie nelle Marche, un esteso  Murale“ i luoghi di S. Francesco” nel convento dei frati cappuccini a Sansepolcro,un cavallo  in (marmoresina)  “libertà” a Montone PG. Nel 2004,  in uno dei soggiorni  negli USA, tra l’altro ha realizzato una grande tela “Toscani” e una pittura murale “Lucchesia” a Salemi. Nel 2005 ha eseguito “l’uomo e il mare” altorilievo in bronzo (ml 6,00) nello storico  palazzo del Piacentini a Roma un grande dipinto “ Polena” a Napoli, un bronzo simboleggiante il valore della ippoterapia è collocato all’ingresso di una grande azienda del settore ippico a S. Giustino PG, un bassorilievo “L’uomo e il cavallo” cm 300 x 60 esalta il connubio tra uomo e cavallo. Più volte si è impegnato nella ideazione di opere espressione di S. Camillo de Lellis tra cui la progettazione del Cenobio e dell’anfiteatro da realizzare nella valle dell’inferno (S. Giovanni rotondo).

Un bassorilievo, anticipazione del decoro alla facciata del cenobio nonché i bozzetti relativi,rispettivamente, alla conversione di Camillo e il gruppo comprendente P. Pio  e S. Camillo questi ultimi da collocare nella chiesa di S. Maria delle grazie (santuario di P. Pio).  Nel 2008    ha portato a compimento 15 pannelli  lapidei  della “Via Crucis” poi collocati  nella chiesa di S. Gaetano a Reggio Cal.   La serie “ danza”  si è arricchita con il “volo della colomba bianca”. Oggi la produzione è incrementata da una complessa opera in pietra “ il cimento “ presso una azienda vinicola in Umbria . Due nuovi gruppi scultorei in corafoam “annunciazione” nella chiesa madre di S. Giustino. Un S. Camillo nella chiesa di S.Maria della Libera a Macchia ( Manfredonia) nella stessa un Ambone (bassorilievo) e un fonte battesimale in marmo di Carrara. I simboli dei “quattro Evangelisti” costituiscono il soggetto dell Ambone nella chiesa di S. Pio a Città di Castello.  Nella stessa città,alcune  rotonde  sono arredate con  numerosi  cavalli in acciaio diversamente colorati. Una sua opera della serie “cavalli” costituisce l’emblema della “mostra internazionale del cavallo” a Città di Castello, in questo ambito, negli ultimi due anni, Nania ha collaborato intensamente producendo una serie di opere documentarie di soggetti equestri. Una grande opera con soggetto equestre (acciaio e vetro) è collocata in un edificio a L’Aquila. Un dipinto su plexglas “le tratture del  Santo  Camillo” decora l’ingresso nella chiesa di Sant’Onofrio a S. Giovanni Rotondo. L’artista è stato anche l’ideatore de “Il Gigante della carità” (mostra collettiva itinerante nei luoghi di S. Camillo) in cui i dipinti celebrano in maniera differenziata il Santo nel quarto centenario della sua morte 1614–2014. La mostra nella sua fase conclusiva è sostata a Roma presso la casa Generalizia alla Maddalena , quindi ultima tappa a  Sansepolcro.

Le 27 opere son collocate in mostra permanente nella casa natale di S. Camillo de Lellis a Bucchianico. eseguite in una vasta gamma materica. Sue opere, oltre che in Italia,  si trovano in U.S.A, Australia e Svizzera.

NOTE CRITICHE 

Hanno scritto di lui : Eugenio Montale, Paolo Bà, Salvatore di Bartolomeo, Romano Manescalchi, Fausto Marzioli, Alfredo Schettini, Luigi Severini, Salvatore Spoto, Luigi Tallarico, Massimo Zangarelli, Giovanni Zavarella, Elisabetta Viti.

……ai limiti di una dimensione “OP” nella cui sfera agisce il fattore psicologico in oggetto, spazio, forma, luce, segno-colore, Pino Nania resta pur sempre fedele al risultato concreto dei valori contenutistici di ogni sua forma di astrazione…………S.di Bartolomeo    

                                                                                      

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × quattro =